Melatonina: cosa è e a cosa serve

Melatonina: cosa è e a cosa serve

La melatonina è un ormone idrosolubile e liposolubile prodotto dal nostro organismo con il compito di regolare il ciclo sonno/veglia, come una sorta di “orologio biologico”, attraverso la luce e il buio dell’ambiente che ci circonda fornendo all’organismo le informazioni necessarie a comprendere la durata del giorno e della notte e consentendo al nostro corpo di adattarsi all’ambiente circostante, inoltre stimola la risposta del sistema immunitario e protegge il sistema nervoso centrale.

 È stata scoperta dal dermatologo Aaron Lerner nel 1958, che isolò questo ormone nella ghiandola pineale delle mucche.

 

Vediamo meglio dove si trova la Melatonina e quali proprietà possiede.

 

Questo ormone viene prodotto tramite una piccola ghiandola chiamata ipofisi, o ghiandola pineale, situata all’altezza degli occhi al centro del nostro cervello.

La sua produzione avviene principalmente durante le ore notturne poiché la sua sintesi e distribuzione nel corpo è inibita dalla luce.

Come già accennato la melatonina ha un effetto sedativo, ma attenzione a non confonderla con i classici sonniferi, poiché agisce come regolarizzatore del sonno e quindi in maniera differente rispetto a farmaci studiati per far prendere sonno in modo ‘forzato’.

La melatonina è in grado di ricostituire un fisiologico regime di riposo contribuendo a risolvere l’insonnia e ricreando la naturale periodicità del sonno, non a caso viene fortemente consigliata anche affrontare efficacemente l’effetto del jet-lag (disturbo che si verifica quando si attraversano vari fusi orari).

 

 

Quali controindicazioni si possono riscontrare?

 

È consigliata l’assunzione della melatonina a orari costanti e non troppo ravvicinati all’abitudinale “ora del sonno”, cioè il tradizionale orario nel quale ci corichiamo a letto, poiché il nostro organismo potrebbe non avere avuto il tempo necessario di assimilare l’ormone e di conseguenza il suo effetto ritarderebbe….

Se si soffre di malattie epatiche, renali, malattie autoimmuni, la melatonina è controindicata, inoltre è sconsigliabile la sua assunzione a chi assume farmaci per il cuore e per la modulazione dell’umore in quanto può causare sonnolenza durante il giorno successivo, depressione e tachicardia.

In questi casi è sempre raccomandabile il parere di un medico.